mercoledì 6 marzo 2013

Provo cazioni (Il feticista, atto IV)



LAPAZZA: Ho scoperto i trascorsi di Mauro.
IO: E come li hai scoperti?
LAPAZZA: Me li ha detti lui.
IO: Com'è che tutti si fidano di dirti le loro magagne?
LAPAZZA: Ma che ne so … sarà che li ascolto. Insomma si era innamorato di una professoressa e mi ha proprio detto “questa mi provocava, veniva vestita tutta provocante per me”.
IO: Ci vuole del situazionismo per mettersi a provocare Mauro. E del cubismo per pensarlo attraente.
LAPAZZA: E mi ha detto “Mi faceva intendere che le piacevo e voleva fare qualcosa con me”.
IO: Forse voleva usarlo per gli esperimenti in laboratorio.
LAPAZZA: Solo che poi lei lo denunciò per stalking.
IO: Dai? Abbiamo un vero stalker? Possiamo esporlo come trofeo della nostra collezione!
LAPAZZA: Ma i carabinieri ebbero pietà e alla fine fu salvato da un altro professore che convinse lei a ritirare la denuncia.
IO: "Quasi gol".

1 commento:

  1. "Ci vuole del situazionismo per mettersi a provocare Mauro. E del cubismo per pensarlo attraente."

    ROTFL! :-D

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono moderati. Se state per raccontare una vostra scena da una biblioteca, sappiate che i nomi di luoghi e persone verranno modificati.