lunedì 8 ottobre 2012

L'anticristo (Scribani moderni, atto II)

Dopo meno di una settimana dall'episodio del rapimento online arrivò un'altra mail con una seconda lettera scritta sotto dettatura al nostro collega. In questo caso sono ancora più palesi le incongruenze cronologiche di quanto asserito. Doveva esser stata una settimana pesante per la signora.

Sua Eminenza
Monsignor Bagnasco
G E N O V A


Ho appreso con gioia del suo nuovo incarico di Presidente CEI, per subentro nell'investitura al posto del Cardinale Camillo Ruini.
Sono certa che lei è a conoscenza che intorno all'anno 1962, Sua Maestà la Regina Elisabetta II d'Inghilterra, notificò alla S. Sede, il rinvenimento di un manoscritto in codice cifrato, in cui si evinceva la nascita di una Nuova Figlia Eletta di Stirpe degli Aldobrandini (nobile famiglia fiorentina trasferita a Roma intorno al 1470) che risulta come il casato degli Windsor a Londra , da sempre “stirpe magico religiosa” di Prima linea Messianica Davidiana.
Mi hanno detto, che a seguito dell'irruzione negli Archivi Geneaologici papali, risalenti all'anno 1993, da parte del Cancelliere Adolf Hitler, che li asportò in parte e altri li lasciò in modo confusionale, Papa Giovanni XXIII , all'epoca non poté dare nessun riscontro di verità sui fatti a Sua Maestà la Regina.

Quindi, io che sono a far parte della famiglia della Nuova Serenissima Elettrice degli Aldobrandini, la quale è in attesa che la Chiesa Cattolica così come le altre chiese del Mondo, riconoscano sia lei che Sua Maestà Esseri Divini in terra, mi sono accorta che è accaduta una cosa grave, scaturita da questi fatti, motivo per il quale le scrivo.
Essendo amica di una bibliotecaria che lavora presso la S. Sede ho saputo che il Cardinale Ruini Camillo, intorno al 1996, ha riformato gli accordi Lateranensi in modo non conforme alle aspettative della serenissima elettrice Anna Aldobrandini.

Le allego alcune pagine di un libro (in copia), che parlano di queste riforme e in esse si evince elementi che possono provocare turbamento alla protezione del patrimonio artistico dello stato pontificio, quali Beni dei quali ne deve godere i privilegi anche Gesù se rinasce fra noi.
Poiché la Cei può deliberare programmi che orientino lo Stato italiano ad adottare scelte e programmi per i beni artistici sul territorio italiano di interesse reciproco e non di terzi, queste riforme potrebbero fare il disinteresse di entrambi le parti e privilegiare terzi interessati a demolire la fede Cattolica.
La Cei deve mantenere attiva la sua partecipazione a protezione del patrimonio artistico Pontificio sul territorio italiano alla luce di chiarimenti interpretativi delle norme lateranensi affinché non si trasformino in inganni.
La violazione che le segnalo qui sopra si è prodotta mi risulta con accordi tra il Cardinale Ruini e alcuni commercialisti inglesi di fede religiosa “protestante”, i quali sono soci azionari della compagnia Mediaset di Silvio Berlusconi e il tutto è stato intrapreso quando la S. Sede ha affittato nei pressi di S. Giovanni in Laterano, suoi locali ad uso ufficio a FININVEST per trasmettere il telegiornale dalla TV privata.

Sua Altezza Serenissima Elettrice Anna Aldobrandini, non credo che abbia problemi a dialogare con credenti cristiani di Fede protestante, né di altre fedi, in quanto rappresenta il principio metafisico della Ragione Universale dell'uomo ed il senso del Cosmo.
Si appella quindi, per quanto sopra riportato, a lei per altro motivo e cioè che la Chiesa di Roma, forse non ha fatto attenzione ad un fatto che è relativo ad una Profezia risalente al 1800.
Trattasi della “Profezia dell'Anticristo”, meglio conosciuta come la Profezia diLa Salette.
Si da il caso che è stato appurato da persone attendibili, sotto ogni profilo, che l'Anticristo ha un suo discendente tuttora in vita e la stirpe loro è quella dello Zar Michele III di Russia.
È risaputo anche che costui si nasconde e fare cose errate a persone che apparentemente sono del tutto insospettabili.
Solovev, lo descrive come un convinto spiritualista che crede nel bene e perfino in Dio, ma non ama che sé stesso!
È un audace radicalista e conta su esigenze e direttive sociali e politiche per una sconfitta alla libertà di pensiero, ma non sa dare risoluzione a nessun problema per le persone bisognose.
Lei, quale alta carica dello Stato della Chiesa di Roma, sono certa che sa anche che, costui non ha mai accettato tre cose di Gesù e sono:
  1. il moralismo
  2. la sua assoluta Unicità
  3. il fatto che Gesù sia risorto e possa rinascere ed esistere fra noi ancora.

Altra cosa da non dimenticarsi mai è questa:

L'Anticristo è la rappresentazione dell'atrocità, del collettivismo tirannico, che con l'utopia di un socialismo reale mirante a imporsi con la costrizione e la violenza, ha afflitto buona parte dell'umanità.

Per tutto questo Sua altezza serenissima Elettrice Anna Aldobrandini, non ha ancora ricevuto una Cittadinanza Onoraria dello Stato della Città del Vaticano, né altre cose a lei spettanti.
Le sarò immensamente grata se lei volesse mettersi in contatto con Sua Maestà la Regina Elisabetta II d'Inghilterra per i dovuti chiarimenti su quanto ho espresso in questo mio importante annuncio, affinché le due maggiori Chiese Cristiane del Mondo, l'Anglicana e la Cattolica, si stringano in una Nuova Sacra alleanza d'Amore Divino con accordo di Pace.

Certa della sua comprensione le porgo i miei ossequi e la ringrazio dell'attenzione a me riservata.
Distinti saluti
L. R. D. T.”


Nella mia ignoranza mi sfuggivano un paio di riferimenti di questa lettera ed ho aggiunto i links direttamente nel testo.

Rimangono i miei dubbi sull'identità di Anna Aldobrandini. Ho trovato una pagina in rete ma potrebbe trattarsi di un'ascendente o di una semplice omonima. Devo dire che le date non proprio attuali mi hanno un po' rammentatoIl segno del comando. Ma soprattutto ... chi è il discendente dell'Anticristo?

4 commenti:

  1. Per la complessità dell'argomentazione, questo merita di essere riletto...

    RispondiElimina
  2. Non è mai esistito nessuno zar Michele III, ovviamente.
    Il primo dei Romanov era Michele I, ma nessuno degli altri Michele delle famiglia è mai diventato zar:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Tsars_of_Russia_family_tree#Romanov_dynasty

    Poi oh senti, se è stato appurato da persone attendibili sotto ogni profilo, chi sono io per negarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per amor di precisione, la Treccani dice di si: http://www.treccani.it/enciclopedia/michele-iii-romanov-zar-di-russia/

      Elimina

Tutti i commenti sono moderati. Se state per raccontare una vostra scena da una biblioteca, sappiate che i nomi di luoghi e persone verranno modificati.