giovedì 15 marzo 2012

Persecuzioni cristiane (L'eletto, atto IV)


LAPAZZA: Bruno dice di essere un grande artista.
IO: Mi pare che dica cose più gravi di questa.
LAPAZZA: Però non mi fa vedere di quel che fa.
IO: Ma che genere di artista?
LAPAZZA: Musicista e scrittore.
IO: E cosa suona?
LAPAZZA: Suona la chitarra, ma male, ma soprattutto scrive i testi per le canzoni.
IO: Beh via, almeno sembra puntare ad una specializzazione. Come mai non ti fa vedere le cose che fa?
LAPAZZA: Non lo so, me ne fa vedere solo alcune. Comunque il suo obiettivo è formare un gruppo insieme a Giovanni Lindo Ferretti e a Sting.
IO: Ahahah ma che c'entra Ferretti con Sting? Ma dai. Ma poi perché loro due?
LAPAZZA: Gliel'ha detto Gesù.
IO: Ancora?
LAPAZZA: Eh sì, poi lui il segno l'ha ricevuto mentre era a trovare Giovanni Lindo.
IO: Davvero?
LAPAZZA: Sì, lui era andato con la sua ragazza dell'epoca. Erano partiti per andarlo a trovare nella sua casa sull'appennino reggiano e si erano organizzati con la tenda. Io non so cosa abbiano fatto, credo che si siano fatti anche dei tripcomunque lui dice che alle 6 del mattino ha visto questa stella. E lui dice che è la stella del mattino di cui si parla nell'Apocalisse.
IO: Poveri noi.
LAPAZZA: Hai presente cos'è?
IO: Veramente no.
LAPAZZA: È nella lettera ai sacerdoti della chiesa di Tiatira.
IO: Come se fosse antani.
LAPAZZA: E insomma poi a un certo punto ha suonato alla casa di Giovanni Lindo, si è fatto aprire e gli ha spiegato che devono fare un gruppo insieme e che ha visto la stella del mattino.
IO: Chissà l'entusiasmo
LAPAZZA: Veramente ha detto che Giovanni Lindo annuì e che aveva capito subito.
IO: Ahah non ci voleva molto per capire la situazione!
LAPAZZA: Gli lesse anche qualcosa dei suoi scritti per convincerlo a scrivere canzoni con lui. Poi andò di nuovo a trovarlo dopo un po' di tempo ma non trovandolo a casa andò a cercarlo dallo zio.
IO: Questo ha perseguitato un'intera famiglia!
LAPAZZA: E arrivato da quest'uomo gli chiese dov'era Giovanni e lui lo fece entrare in casa perché era da lui ma stavolta iniziò a scuotere la testa negativamente appena lo vide. Cercò di parlarci ma non servì a molto.
IO: Strano ...
LAPAZZA: E poi l'ha rivisto una volta alla pietra di Bismantova. lo trovò con degli amici mentre stava mangiando gli agnolotti ripieni. E Bruno iniziò subito con la storia della stella del mattino e in pratica mi ha fatto capire che la gente si stava mettendo a ridere e a prenderlo in giro. Giovanni Lindo non gli rispondeva nemmeno e a un certo punto uscì dal silenzio per dirgliMa vuoi un agnolotto?. Al che Bruno si è sentito offeso e se ne è andato. Però ha detto che secondo lui Giovanni Lindo non aveva voluto affrontarlo solo perché c'era gente.
IO: La goccia scava la roccia. Digli di riprovare!

2 commenti:

  1. Lo poteva prendere un agnolotto! quelli ti rimettono al mondo... ed il presunto Bruno, diciamocelo, ne ha tanto ma tanto bisogno! Che Gesù lo tenga in conto!!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono moderati. Se state per raccontare una vostra scena da una biblioteca, sappiate che i nomi di luoghi e persone verranno modificati.